Un tiepido calore.

E così finisci per non capire la ragione di tante cose.
Sai che alla fine non ti piace sentirti così però come una droga, capisci che non ne puoi fare a meno, altrimenti la vita ti scorre via sotto i passi.
Quando ti senti così, sei in una dimensione diversa, la dimensione in cui percepisci il tuo essere che, libero da ogni barriera, si lascia andare e non ha paura di altalenare tra il male e il bene, tra la sofferenza e la felicità. Perché in fondo è quello che vuoi, vivere senza doverti preoccupare del dolore che provi e provochi.
E allora via, liberi, liberi, liberi sempre, noncuranti del tempo che passa e della fiamma che si consuma.
Rimanere al buio ti piace, e sentire solo il tuo respiro bagnato dalle lacrime non ti fa paura, perché prima del buio hai vissuto in una luce talmente accecante che ti ha riempito gli occhi.
E quel tiepido calore che senti in fondo, tra il cuore e i polmoni, ti basta per non morire.

La fine del corso e la mola.

Rifletto.

La fine di un percorso, sia esso una maratona, un viaggio o un corso di scrittura porta sempre a una riflessione.

Sette mesi fa la mail di conferma per l’iscrizione. Due mesi dopo l’inizio. E ora, quattro mesi dopo quel primo Febbraio, la conclusione.

Ieri sera con il piede sull’acceleratore, sola in un’autostrada vuota, mentre la voce di una primissima Nina Persson tentava di distrarmi, non potevo fare a meno di commuovermi. Già, perché questi quattro mesi di “lunedì sera a Treviso” mi hanno presa per mano e condotta verso la fine di un cammino. Mi sembrava così lontana la giornata di ieri, che non mi sono resa conto di averla superata. E quando nel buio di un lunedì notte nemmeno un camion accompagnava il mio tragitto verso casa, tutto è esploso in un secondo.

Che cosa scriverò nell’esercizio per il prossimo lunedì? Nulla. Non ci sono esercizi.

Come sarà la prossima lezione? Nulla. Non ci saranno prossime lezioni.

Di punto in bianco, mi sono resa conto che ora tocca a me. Non ho più scuse, più pretesti, più appigli. Non c’è più un insegnante che possa dare un consiglio, né un compagno con cui potermi confrontare. Certo, ci sarà sempre qualcuno a cui chiedere, ma dovrà partire tutto da me.

Il tempo del tergiversare è giunto al termine.

Lo strumento con cui scrivo è stato affilato sulla mola, ora è pronto per essere usato. Non so ancora cosa produrrà; forse andrà smussato di nuovo, preso a martellate, scagliato al suolo in impeti d’ira e poi ripreso per essere usato ancora.

Basta avere paura, è ora di tuffarsi.

MOLA