Un tiepido calore.

E così finisci per non capire la ragione di tante cose.
Sai che alla fine non ti piace sentirti così però come una droga, capisci che non ne puoi fare a meno, altrimenti la vita ti scorre via sotto i passi.
Quando ti senti così, sei in una dimensione diversa, la dimensione in cui percepisci il tuo essere che, libero da ogni barriera, si lascia andare e non ha paura di altalenare tra il male e il bene, tra la sofferenza e la felicità. Perché in fondo è quello che vuoi, vivere senza doverti preoccupare del dolore che provi e provochi.
E allora via, liberi, liberi, liberi sempre, noncuranti del tempo che passa e della fiamma che si consuma.
Rimanere al buio ti piace, e sentire solo il tuo respiro bagnato dalle lacrime non ti fa paura, perché prima del buio hai vissuto in una luce talmente accecante che ti ha riempito gli occhi.
E quel tiepido calore che senti in fondo, tra il cuore e i polmoni, ti basta per non morire.

Riflessioni di una quasi sceneggiatrice.

Scrivere, ormai lo fanno in tanti.

Scrittori, ormai lo sono tutti.

A me non è mai interessato apparire.

Anzi. Sono piuttosto timida, e chi mi conosce bene lo sa.

Non ho la pretesa di definirmi scrittrice, anche perché qualcuno che stimo molto, un tempo mi disse che “scrittore è colui che scrive un’opera e viene pagato per questo”. E per quanto mi riguarda sono ben lontana da quella definizione.

Quindi dico: è successo. Mi sono trovata quasi per caso investita del ruolo di sceneggiatrice.

E, a quasi due settimane dalla “prima” ancora mi sento emozionata all’idea che delle attrici abbiano recitato dei miei monologhi davanti a un pubblico che ascoltava, che applaudiva, che rideva, che si intristiva.

Tante persone mi hanno fatto i complimenti, avvicinandosi e stringendomi la mano.

Ma il complimento più grande per me è arrivato da quelle sei donne che si sono fidate di me, che mi hanno dato carta bianca, che mi hanno permesso di creare dodici personaggi a loro ispirati senza mai dubitare del mio lavoro.

Questo è il più profondo e meraviglioso applauso che abbia ricevuto quella sera.

 

PD_0617_1-full.jpg
la locandina dello spettacolo è opera di Chiara Varotto

 

Dasha.

Sabato 22 aprile, al liceo L. Stefanini di Mestre ha debuttato il mio brano “Dasha”, interpretato da Daniela Zangara durante lo spettacolo “Ti ho amato da morire” dell’associazione Padovadonne.

Eccolo.

« La vita è una stazione, presto me ne andrò, dove – non lo so dire »
(Marina Ivanovna Cvetaeva)
Mi chiamo Dasha.
In Italiano è Daria, almeno così mi hanno detto.
Non capisco bene cosa ci faccio qui, è pieno di signore molto più vecchie di me…forse si aspettano che faccia loro da badante visto che sono moldava? Spero di no, io il lavoro di mia mamma proprio non lo voglio fare. È per questo che sono andata a vivere per conto mio, per non vederla appassire. Io vorrei fare qualcosa di diverso, non so bene cosa, ma diverso.
Davvero non capisco, come ho fatto a finire qui?
Ero uscita con Dimitry per parlare, eravamo nel nostro solito posto, ho insistito perché lui non aveva niente da dirmi, ma io sì e alla fine ha accettato.
Abbiamo camminato nel vigneto, in Veneto dove viviamo noi ce ne sono molti. A me piacciono tanto perché mi ricordano la casa dei nonni, a Cimislia, dove sono nata.
E quella sera ho insistito io per venire qui, perché  era il nostro posto speciale e io speravo che qui, dove un tempo mi aveva giurato amore, cambiasse idea sulla bambina. Ma non è andata così.
Dimitry  mi portava sempre nei vigneti di Valdobbiadene quando era innamorato di me. Diceva che un giorno avremmo vissuto in una casa con un vigneto e avrei sentito meno la mancanza di Cimislia.
Forse è per quello che mi ha voluta lasciare lì, in quel vigneto di Valdobbiadene. Mi ha pure coperta con le foglie, gli dicevo sempre che la nonna mi faceva sdraiare sull’erba per sentire il loro profumo.
Alla fine è stato un gesto d’affetto.
Certo,  prima mi ha tirato una pietra in testa e mi ha strangolata, ma poi mi ha adagiata sulle foglie. È sempre stato così Dimitry, prima si arrabbiava e poi mi faceva i regali per farsi perdonare.
Chissà, magari è stato il suo modo di chiedermi scusa.
Solo che speravo di rimanere distesa sulle foglie di vite, invece mi hanno trovata ed eccomi qui in questo luogo sconosciuto dove sono la più giovane.
(Si tocca la pancia)
Ah no, in effetti c’è qualcuna di più giovane, lei, la mia bambina, Dimitry sapeva che non avrei potuto stare senza di lei.
E’ stato emozionante sentire le proprie parole recitate da un’attrice professionista di fronte a una platea di giovani studenti.
Spero che questa meravigliosa esperienza teatrale continui.
Grazie.
Padovadonne teatro
Photo Credits: Roberta Lotto.