Foglie di gelsomino.

Come foglie di gelsomino

che sovrastano la terra.

Ogive che guardano il cielo,

senza mai toccarlo.

Testimoni dei giorni che passano

e di loro non si curano.

Le crediamo immobili,

ma portano addosso il futuro.

Fino al prossimo inverno,

quando solo chi le ama

potrà salvarle.

Instasize_0908144021

 

 

Per G., che da mesi non esce di casa.

Due parole, per G. che da mesi non può più guardare il suo amato verde.

A te dedico questo verde.

Questo verde che un tempo gestivi tu.

Questo verde che solo tu sapevi domare.

 

Passeggiavi sicura e forte

il coraggio di chi nascondeva i partigiani in casa,

la fierezza di chi è giusto,

l’abbraccio di una madre.

 

Questo verde è per te.

Ha accolto le tue lacrime, i tuoi sogni,

i tuoi figli, i tuoi nipoti.

Tu sapevi parlargli,

tu lo conoscevi meglio di tutti noi.

 

Foglie, erbe, fronde

tutto parla la tua lingua.

E’ qui fuori che ti chiama,

è il tuo verde, da cui non puoi scappare.

 

Cresce, florido, perché a differenza di noi uomini,

più invecchia più risplende,

è il tuo verde,

ti ama, ti protegge, ti stringe a sé.

 

E io lo dedico a te,

è l’unico modo che ho per parlarti del mio amore.

Il tuo verde

ti aspetta,

ti aspetto.

 

20170417_152904

Sigarette.

Ecco il testo integrale della poesia “Sigarette”, ordinata da una vicina di caffè questa mattina.

Fumo sigarette a metà

per averne ancora per dopo

per sentirmi meno in colpa.

 

Non aspiro.

Mi piace il fumo che sale

meglio se ci sono foglie attorno a me

o un cielo azzurro.

 

E’ un’illusione di libertà

è l’ultimo appiglio a quella che ero prima

quella me che non esiste più.

Per fortuna, dicono,

ma io, quella nuova, ancora non la conosco.

 

Instasize_0404154419

Narcisi.

Riporto il testo di questa poesia su ordinazione che ho scritto oggi per una gentile signora che, con un narciso giallo tra le mani, mi ha raccontato del suo vecchio amore passato.

 

Erano i narcisi.

Eri tu.

Sulla riva, con le calle

quelle che piacevano a mia madre.

 

Erano i narcisi.

Erano i tuoi baci, nudi, puliti

come te.

 

Erano i narcisi.

Parlavano di noi,

di tutto quello che eravamo

giovani, inquieti, indecisi.

 

Erano i narcisi.

E di noi non parlano più.

 

IMG_20170331_131511_283